Sexting e prevenzione a scuola

Svariate ricerche hanno confermato che la pratica del sexting,  l’invio o la pubblicazione di foto o messaggi sfondo sessuale tramite dispositivi elettronici, è correlata ad una serie di rischi per l’ adolescente.

 

  • Uno studio di Dake e colleghi (2012) rivela che gli adolescenti coinvolti nel sexting hanno maggiore probabilità di diventare vittime, da parte dei compagni, di forme di bullismo e di cyberbullismo. Il fenomeno, quando si verifica tra compagni di scuola, può avere conseguenze negative per quanto riguarda il clima scolastico.

 

  • Secondo un altro studio, gli studenti delle scuole medie che hanno riferito di essere coinvolti nella pratica del sexting, hanno anche riportato con più frequenza la loro intenzionalità di svolgere attività sessuali nei 6 mesi seguenti (Van Ouytsel, J. Et. al, 2015).
  • Lee et al.(2013) ha osservato che spesso la scelta da parte degli adolescenti di inviare materiale esplicito è stata influenzata dalla pressione dei pari (“I miei amici mi hanno proposto di inviare foto intime”, “Sono stato/a costretto/a ad inviare quel materiale”, ”sono stato escluso/a dai miei amici perché ho deciso di non inviare loro foto e video intimi” ). Pare inoltre che le femmine siano più soggette a questo tipo di pressioni e che siano più vulnerabili alle conseguenze negative del sexting. Il possesso di materiale esplicito da parte dei maschi pare sia rinforzato positivamente dai pari, mentre le femmine che inviano questo tipo di materiale spesso vengono giudicate negativamente (Van Ouytsel et al., 2014).
  • E’ emerso, infine, che è probabile che il materiale a sfondo sessuale ricevuto da un adolescente venga poi diffuso nella rete. Un quinto di loro, infatti, ha dichiarato di avere inoltrato ad altri quanto ricevuto (Associated Press-MTV, 2009).

I risultati di queste ricerche ci suggeriscono che probabilmente il sexting aumenta la vulnerabilità dell’ adolescente riguardo possibili atti di coercizione, bullismo, cyberbullismo, ed esclusione sociale, fenomeni che possono danneggiare la salute dell’ individuo ed il clima scolastico. Prevenire il fenomeno, soprattutto ne

Per questi motivi è importante che fin dalle scuole medie il tema del sexting sia approfondito sia nell’ ambito dei programmi di educazione sessuale, sia durante le iniziative di prevenzione dei rischi relativi all’ uso di social network e di altri siti, attraverso un programma mirato di sensibilizzazione e di prevenzione.

Dott. Bonato Stefano

Riferimenti bibliografici:

Associated Press-MTV. (2009). A thin line: AP-MTV digital abuse study. http://www.athinline.org/MTV-AP DigitalAbuseStudyExecutiveSummary.pdf

Dake, J. A., Price, J. H., Maziarz, L., & Ward, B. (2012). Prevalence and correlates of sexting behavior in adolescents. American Journal of Sexuality Education, 7, 1–15. doi:10.1080/15546128.2012.650959

Lee, M., Crofts, T., Salter, M., Milivojevic, S., & McGovern, A. (2013). ‘Let’s Get Sexting’: Risk, Power, Sex and criminalisation in the moral domain. International Journal for Crime and Justice, 2, 35–49

Van Ouytsel, J., Walrave, M., Ponnet, K., & Heirman, W. (2015). The Association Between Adolescent Sexting, Psychosocial Difficulties, and Risk Behavior: Integrative Review. The Journal of School Nursing, 31(1), 54-69.

Van Ouytsel, J., Walrave, M., & Van Gool, E. (2014). Sexting: Between thrill and fear—How schools can respond. Clearing House, 87(5), 204-212.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: